Mezzo secolo di

Albergo Genzianella

Nel cuore di Roncone, al numero 6 di via Benedetto Lucchi,

inserito armoniosamente nel centro storico con le

sue linee moderne ed insieme rispettose della tradizione

locale, l’Hotel Genzianella della famiglia Pizzini, rappresenta

una delle più apprezzate strutture ricettive dell’amena

borgata ed insieme un punto di riferimento importante per il

calore dell’accoglienza e la qualità della ristorazione dell’intera

valle del Chiese. Vanta tre stelle, che significano eccellenza, dimensioni

adeguate, servizi di prim’ordine, comfort, ambienti

rilassanti…aspetti, questi, cui vanno aggiunti la cura e le attenzioni

riservate agli ospiti dai proprietari, oltre ad un impegno

continuo, costante per aggiornare e migliorare l’offerta, così da

garantire soggiorni gradevoli e rilassanti anche alla clientela

più esigente. Porta il nome di uno dei fiori più belli e caratteristici

dei pascoli di alta montagna, calici d’un azzurro/blu

intenso che sull’alpe, appena scomparse la nevi, s’aprono al

sorgere del sole per chiudersi al tramonto, annunciando la primavera

insieme alle anemoni e alle morette in un tripudio di

colori e di profumi. Probabilmente quel fiore voleva essere un

aggancio naturale con il territorio e simbolo della sua bellezza.

A darglielo furono i Chiesa (Tof) che, appena finita la guerra,

presero in affitto e ammodernarono la vecchia “trattoria al

sole”, luogo di ritrovo, dormitorio e sede del comando militare

tedesco dal 1942 al termine del conflitto. Venivano costoro da

Abbiategrasso, località dell’hinterland milanese, i cui abitanti,

in buon numero, avevano scelto Roncone quale meta delle

loro vacanze estive. La loro gestione durò fino al 1953, quando

l’edificio venne rilevato dai Mannino, gente di Palermo, che vi

trasferì quassù, nascondendoli, i propri figli, per evitar loro il

servizio militare a quel tempo obbligatorio

ALBERGO  1961
Cartolina del 1961

 

Nel 1955 l’albergo, formato da una cucina e poche camere,passa, sempre in affitto, a Fedele Armani di Agrone, che lo tiene fino al 1961. Proprio in quell’anno gli subentra Fiorenzo Pizzini. Costui nella stagione successiva compera metà immobile dalla famiglia. Nel 1970, dopo anni di lavoro, di risparmi e di sacrifici, Franca Pizzini riesce ad acquistare anche l’altra metà. Nel frattempo erano mutate le condizioni della gente, le mode dei turisti e le loro esigenze. Per farvi fronte nel 1971 si mette mano alla struttura in maniera radicale: vi si installa un impianto di riscaldamento moderno e funzionale e si dotano le camere di servizi  adeguati, sistemati all’interno di ognuna. Altro intervento significativo si ha nel 1984, quando si ricavano sei nuove camere nell’ala nord e si amplia la cucina. Rappresenta questa uno dei punti di forza dell’offerta dell’albergo.Le sue specialità gastronomiche, che richiamano in vita piatti della tradizione locale, la qualità delle pietanze,naturali e genuine,l’abilità di chi sta dietro ai ferri ne fanno un richiamo per i locali e un’attrattiva per quanti vengono da fuori.L’attività prosegue negli anni con sempre maggior successo,frutto di un’accoglienza gradevole e di un particolare apprezzamento dei servizi forniti. Nel 1995 la famiglia Pizzini decide di aggiungere  altri comfort all’hotel e altre comodità per gli ospiti. Si rifà il tetto e si ricavano delle bellissime suite in mansarda, si costruisce un ascensore e si rifanno i vani delle scale,si dotano le camere di aria condizionata e si provvede al loro ri ammodernamento; nell’ interrato si ricava la taverna.L’hotel è decisamente cresciuto di livello, ma i proprietari non si fermano.Nel 2004 ristrutturano le camere del primo e del secondo piano, e insieme con esse rifanno l’arredamento del bar e della sala, tutto nuovo,rigorosamente in legno massiccio,lavorato in uno stile perfettamente in sintonia con le caratteristiche del miglior artigianato locale, completamente in armonia con il territorio, la sua cultura e le sue tradizioni. Ottiene così le tre stelle. Cosa significhino queste in una regione a vocazione turistica come la nostra lo sanno solo gli operatori, costretti a misurarsi con norme di estrema rigorosità ed a controlli severi. L’Hotel Genzianella da sempre viene scelto quale meta privilegiata dalle persone anziane e dalle famiglie che vi respirano aria di casa, vi trovano un’accoglienza calda ed ospitale, un turismo a misura d’uomo,confortevole e rilassante. La maggior parte di loro proviene dalle regioni del nord Italia,ma vi affluiscono anche parecchi stranieri, per lo più tedeschi e francesi. A seconda delle stagioni la casa offre agli ospiti diverse opportunità di vivere il territorio, dalle gite e le escursioni nel Parco naturale alle degustazioni enogastronomiche coi prodotti tipici del Trentino,in particolare al pasto con la“polènta carbonèra” preparata secondo l’antica ricetta ronconese in alta quota in località “Raser”. Eredi di una lunga storia di ristorazione,intessuta di sacrifici, di impegno,di capacità innovative e di grandi soddisfazioni,Lauro, Ida e Gaia Pizzini con Caterina e Renzo Pizzini continuano ad accogliere gli ospiti nel centro storico del paese con la passione e l’ospitalità piacevole che tutti gli riconoscono in omaggio ad una tradizione che ha fatto dell’Hotel Genzianella un punto di riferimento qualificante ed imprescindibile per l’offerta turistica delle Giudicarie intere. Il suo numero di telefono è 0465 901035. Il suo sito web,sempre aggiornato è www.albergogenzianella.net

Download
articolo sul GIORNALE DELLE GIUDICARIE
Albergo Genzianella.pdf
Documento Adobe Acrobat 722.1 KB